Manipolazioni chiropratiche tecnica flexion-distraction

Che cos’è la tecnica chiropratica flexion-distraction di Cox?

E’ facile trovare dei video sul WEB, ma in definitiva che cos’è la tecnica flexion distraction? a che cosa serve? perchè funziona?

Esistono diversi approcci in trazione e flesso-distrazione per il trattamento lombare e il metodo Cox sembra distinguersi per due peculiarità:

  • L’appoggio della mano sulla colonna vertebrale del paziente, che lo delinea come metodo manuale-assistito.
  • L’utilizzo della mano come feed-back per agire su un segmento vertebrale specifico.

La tecnica è nata inizialmente per il trattamento dell’ernia lombare ma oggi è applicata normalmente per tutte le altre affezioni del tratto lombare ed è stata adattata anche alla colonna cervicale.

Storia della tecnica chiropratica flexion-distraction

La tecnica fu elaborata dal chiropratico James Cox a partire dal 1964 e perfezionata negli anni. Cox si ispirò ai principi del chiropratico e osteopata Floyd Blackmore applicandoli inizialmente ad un lettino marca McManis evoluto successivamente nello Zenith-Cox® nel 1984. Buona parte della dedizione di Cox è derivata anche dalla sua stessa esperienza come paziente che lo ha portato, a causa anche della scarsa attenzione all’igiene posturale e lavorativa, ad un’operazione d’urgenza in seguito ad una sindrome della cauda equina. Nel metodo Cox non a caso sono contenute anche indicazioni sullo stile di vita. Il metodo è insegnato dal 1990 presso National Chiropractic College, successivamente National Health Science University.

Razionale fisiologico della tecnica chiropratica Cox

  • I dischi intervertebrali non hanno ampio apporto di sangue il turnover metabolico è correlato ai movimenti della colonna vertebrale
  • Durante la lateroflessione i fluidi sono rilasciati sul lato della flessione e assorbiti sul lato opposto.
  • Inoltre durante la flessione-distrazione si verifica una diminuzione della pressione discale che, secondo Cox, favorirebbe il riassorbimento dell’ernia grazie alla spinta del legamento longitudinale posteriore.
  • Il movimento mobilizzerebbe anche eventuali aderenze legamentose.

Leggi tutto “Manipolazioni chiropratiche tecnica flexion-distraction”

Corso di manipolazioni e tecniche chiropratiche integrate

Manipolazioni chiropratiche, tecniche e attrezzature speciali di neurostimolazione.

La nuova edizione del corso in Tecniche Chiropratiche Speciali è adesso disponibile.
Le lezioni si svolgeranno a Milano il 10-11 settembre 2022.

Corso tecniche chiropratiche

Chiedi informazioni dal form generale del sito »

Milano 10-11 settembre 2022
Finalmente il nostro corso di maggior successo
è tornato con una formula ancora migliore.
Ci hanno chiesto di approfondire la clinica
e parlare della nostra expertise “tra le mura”…
e lo abbiamo fatto.

CONTENUTI

  • Il corso insegna l’utilizzo di tutte le tecniche di origine chiropratica su lettini speciali e a mezzo di attrezzature, riviste e aggiornate in funzione dell’approccio basato sulle evidenze scientifiche.
  • E’ fondamentale sottolineare che non si tratta dell’insegnamento della sola gestualità tecnica, ma della sua collocazione in un contesto clinico ragionato e integrato dall’expertise degli insegnanti.
  • E’ prevista una parte approfondita e dettagliata dedicata alla clinica delle ernie, protrusioni e stenosi lombari e una parte di clinica generale riguardante l’approccio strutturale. Attnezione: così approfondito non lo abbiamo mai fatto!

PROGRAMMA TECNICO

Programma delle tecniche
Utilizzo del Drop spinale su lettino fisso e portatile:
• Drop Pelvico
• Drop Lombare
• Drop Dorsale
• Drop cervicale
Funzione Drop accessoria
• Coxo-femorale
• Spalla
Utilizzo del flexion-distraction
• Dinamico
• Statico
Utilizzo del Break Away
• Mobilizzazione con leva
• Mobilizzazione a ponte
Utilizzo del Drop periferico
• Piede e Caviglia
• Ginocchio
• Spalla, gomito e polso
• Utilizzo dell’attivatore neurologico meccanico e elettrico
• Utilizzo dei cunei di Dejarnette

PROGRAMMA CLINICO TEORICO

• Inquadramento di tutte le tecniche in contesto clinico
• Approfondimento nel dettaglio del trattamento delle ernie, delle protrusioni e delle stenosi con il lettino chiropratico in associazione all’esercizio antalgico
• Approfondimento dell’approccio strutturale: la visione classica, le attuali concezioni di evidenza scientifica e come integrare le tecniche in un progetto clinico razionale

DOCENTI

Fabio Perissinotti D.O., Spinal Manipulation Expert
Giancarlo Faedi D.O., Spinal Manipulation Expert

Chiedi informazioni dal form generale del sito »